70 anni dalla Dichiarazione dei Diritti dell’uomo. Le voci degli scrittori

70 anni dalla Dichiarazione dei Diritti dell’uomo. Le voci degli scrittori

Il 10 dicembre 1948 l’ONU proclamò, tre anni dopo la fine della seconda guerra mondiale, la Dichiarazione Universale dei Diritti umani. Se ne parla molto, specie in occasione degli anniversari “tondi”, ma la si conosce poco. Ecco una piccola parte del Preambolo e i primi due articoli:
Dal preambolo:
Considerato che il riconoscimento della dignità inerente a tutti i membri della famiglia umana e dei loro diritti, uguali ed inalienabili, costituisce il fondamento della libertà, della giustizia e della pace nel mondo;
Considerato che il disconoscimento e il disprezzo dei diritti umani hanno portato ad atti di barbarie che offendono la coscienza dell’umanità, e che l’avvento di un mondo in cui gli esseri umani godano della libertà di parola e di credo e della libertà dal timore e dal bisogno è stato proclamato come la più alta aspirazione dell’uomo;
Considerato che è indispensabile che i diritti umani siano protetti da norme giuridiche, se si vuole evitare che l’uomo sia costretto a ricorrere, come ultima istanza, alla ribellione contro la tirannia e l’oppressione;
Articolo 1
Tutti gli esseri umani nascono liberi ed eguali in dignità e diritti. Essi sono dotati di ragione e di coscienza e devono agire gli uni verso gli altri in spirito di fratellanza.
Articolo 2
Ad ogni individuo spettano tutti i diritti e tutte le libertà enunciate nella presente Dichiarazione, senza distinzione alcuna, per ragioni di razza, di colore, di sesso, di lingua, di religione, di opinione politica o di altro genere, di origine nazionale o sociale, di ricchezza, di nascita o di altra condizione. Nessuna distinzione sarà inoltre stabilita sulla base dello statuto politico, giuridico o internazionale del paese o del territorio cui una persona appartiene, sia indipendente, o sottoposto ad amministrazione fiduciaria o non autonomo, o soggetto a qualsiasi limitazione di sovranità.

La città di Isaura ha promosso, a Ostia e Formello, due iniziative nei mesi scorsi, proponendo attraverso i filmati delle Teche Rai le voci di alcuni scrittori: i Premi Nobel Nadine Gordimer, Toni Morrison, Gao Xingjian, e Eduardo Galeano, Ryszard Kapuściński , Madri di Plaza de Mayo. Ognuno di loro aiuta a fornirci un quadro ampio dei Diritti umani, tema presente nella letteratura di tutti i tempi. E’ il momento di riascoltarli.

Città Isaura

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *