Una poesia di Gianmaria Testa: La Bellezza esiste

La Bellezza esiste

Nel becco giallo-arancio di un merlo
in un fiore qualunque
nell’orizzonte perduto e lontano del mare
la Bellezza esiste
è un mistero svelato
un segreto evidente
la vita
la Bellezza esiste
e non ha paura di niente
neanche di noi
la gente.

La poesia che ascoltiamo nel video viene dall’ultimo concerto di Gianmaria Testa, a fine luglio del 2015, nel cortile della Scuola Holden di Torino.   Gianmaria Testa era innanzitutto un poeta. Anche se spesso le poesie gli apparivano in testa direttamente con le note e gli accordi giusti. Ce n’erano altre che invece non metteva in musica, restavano parola e poesia pura, nella sua essenza.


 

Nel libro postumo Da questa parte del mare, pubblicato da Einaudi nel 2016 con prefazione di Erri De Luca, oltre a pubblicare i testi del suo cd con lo stesso titolo, ha scelto nove poesie. La bellezza esiste è la seconda di questa piccola serie. La prima è una sorta di avvertenza poetica, di un poeta per se stesso, per gli altri poeti (perché è davvero universale) e per i lettori tutti, su come nascono le poesie e le parole di una canzone. Una vera perla da artista:

Senza titolo

Levigare le parole
fino alla trasparenza
fino al limite sottile
di fragilità e di rischio
per sentirle finalmente suonare
al tocco delle dita
o tagliarvisi le labbra
o raccoglierne i cocci muti
e riprovare.

 

Città Isaura

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *